top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreEG-xiste

MELA MUTER (1876 - 1967)

Aggiornamento: 4 giu 2023

Auguste Perret : uno studio per un artista


Non è una scoperta, sono un fervente ammiratore delle realizzazioni architettoniche di Auguste Perret. Dopo aver scoperto le più famose e straordinarie come Notre-Dame du Raincy, gli edifici delle strade Franklin e Raynouard, il Théâtre des Champs Elysées fino al centro della città di Le Havre e più in particolare la sua chiesa di San Giuseppe, sono andato alla ricerca della sua realizzazioni più aneddotiche per poi interessarsi ai laboratori parigini che portano la sua firma.


Tutto è iniziato con un'uscita fotografica sull'architettura di Boulogne-Billancourt negli anni '30, con la scoperta degli studi di Dora Gordine e Marguerite Huré, per poi proseguire con quello di Chana Orloff nel 14° arrondissement. Si è conclusa nel 6° arrondissement presso lo studio di Mela Muter su consiglio di un'amica polacca legata alla storia degli artisti del suo paese che si stabilirono a Montparnasse all'inizio del 20° secolo e alla Scuola di Parigi. .


Auguste Perret intrattenne proficui rapporti con l'ambiente artistico e letterario parigino e più in particolare con le artiste.


4 laboratori per 4 artiste: scultrice, pittrice, artista del vetro colorato. Volevo sapere chi erano queste donne che hanno creato tra le mura immaginate da Auguste Perret e sono diventate tutte grandi artiste del 20° secolo.


Parigi è ancora la capitale mondiale dell'arte all'inizio del XX secolo.


Sotto lo slancio delle varie mostre universali di Parigi, si sono formati circoli di artisti d'avanguardia, che attirano tra loro artisti stranieri, attori del dialogo tra questi movimenti francesi e internazionali.

Il posto delle donne non è aneddotico in queste istituzioni, e molte vi partecipano attivamente nonostante la rigidità, la riluttanza ei secolari pregiudizi patriarcali.

Queste accademie sono veri e propri luoghi di scambio e socialità, che cercano di rompere con la vecchia tradizione pittorica.

Consentono di accedere a laboratori e modelli per somme abbastanza modeste, e di incontrare altri artisti.


Uno di loro è un pittore di origine polacca: Mela Muter.


Proveniente da una famiglia ebrea benestante e colta di Varsavia, Mela Mutermilch si unì ai corsi della scuola di pittura e disegno per donne di Milosz Kotarbinski . Accompagnata poi dal marito Michel Mutermilch , scrittore e critico letterario, si trasferì a Parigi nel 1901.


Si iscrisse all'Accademia Colarossi , poi si unì alla vicina La Grande Chaumière per seguire i corsi dello scultore Antoine Bourdelle che sarebbe diventato il suo mentore.


Siamo quindi nel cuore di Montparnasse, quartiere che vedrà la nascita de L'école de Paris , di cui Mela Muter sarà una delle figure di spicco.


Ma come dice la stessa Mela Muter, farà solo un breve soggiorno in queste accademie, credendo che i suoi insegnanti non possano insegnarle nulla, oppure temendo che i loro insegnamenti possano influenzare e frenare il suo talento. Decide quindi di lasciare queste scuole per lavorare da sola studiando i dipinti dei maestri nei musei.


Studiare non significa copiare e Mela Muter ha saputo ben presto affermare la sua personalità nella sua pittura.



Signature de Mela Muter sur ces oeuvres
Monogramma di Mela Muter su queste opere

I suoi primissimi lavori sono caratteristici della pittura simbolista polacca dell'inizio del XX secolo e sono anche influenzati dalla scuola di Pont-Aven, come dimostrano i suoi frequenti soggiorni in Bretagna. Le sue produzioni mostreranno paesaggi e figure di contadini Armoricani. Poi le sue ispirazioni si estenderanno alla Spagna e alla Provenza dove rimarrà tra le due guerre.




Riconoscimento rapido


Mela Muter riceve rapidamente il riconoscimento del suo talento dalla critica d'arte e moltiplica le mostre. È stata nominata membro della Société Nationale des Beaux-Arts appena un anno dopo il suo arrivo in Francia. A riprova della sua aura nascente, gli articoli di stampa sul suo lavoro artistico si moltiplicano e anche se non tutti gli sono favorevoli, la maggioranza accetta di riconoscere la forza delle sue composizioni e dei suoi ritratti.

Iniziò ad esporre le sue opere per la prima volta a Varsavia nel 1902. Le mostre si susseguirono a Parigi, Barcellona e Girona.



Uno stile personale che si afferma, un ritrattista ammirato


Il suo stile molto personale si sviluppa a partire dal 1905 per poi affermarsi completamente prima della prima guerra mondiale. Pennellate secche e corte piuttosto caratteristiche con una tavolozza di colori chiara e opaca. Pur rimanendo attaccata ai soggetti trattati sin dall'inizio, Mela Muter punta sempre di più sui ritratti. I suoi primi modelli preferiti sono tra i contadini, i pescatori, i vecchi, i poveri e le scene di vita quotidiana. Poi verrà un capitolo sui bambini, poi sulla "maternità".


Negli anni '20, i suoi talenti di ritrattista furono veramente e indiscutibilmente riconosciuti. Il suo stile personale è oggi facilmente riconoscibile, una trascrizione secca, densa e aspra dei tratti fisionomici e psicologici dei suoi ritratti con l'unico scopo di far emergere il carattere intimo e fissare l'anima del suo modello attraverso una postura, un gesto, uno sguardo , ignorando il suo status sociale.




Una vita piena di tragedie


Questo vero riconoscimento non deve mettere in ombra gli episodi oscuri che Mela Muter sta vivendo dal suo arrivo in Francia. Dopo la morte di sua madre nel 1908 e di sua sorella nel 1911, incontrò Raymond Lefebvre, intellettuale e attivista socialista convertitosi al comunismo, nel 1917 e divorziò dal marito Micha nel 1919.


Partecipa con lui all'attività politica e pacifista, ma nel 1920 il suo nuovo compagno scompare misteriosamente in circostanze inspiegabili nel Mare di Barents, a seguito di un caotico ritorno da un viaggio per partecipare al secondo congresso dell'Internazionale Comunista. Una possibilità di assassinio politico è menzionata dalla stampa francese dell'epoca.


In questa nuova tragedia, Mela Muter viene a sapere che suo figlio ha una grave tubercolosi ossea. Tutti questi eventi sembrano causare la sua conversione al cattolicesimo nel 1923.





Nudo cubista (1919-1923)

Una rappresentazione d'avanguardia dell'origine del mondo di G. Courbet









Mela Muter continuò a dipingere ed esporre regolarmente a Parigi e in Europa, ma quando suo figlio morì nel 1924 e poi il suo amico Rainer Maria Rilke nel 1926, cadde in una profonda depressione.


Uno studio progettato da Auguste Perret


Alla fine degli anni '20, acquisì il riconoscimento di Mela Muter, il suo portafoglio ordini privato era sempre pieno. Ha acquistato un terreno di 155 m2 situato alla fine di un cortile privato, Allée Maintenon, nel quartiere di Montparnasse. Incaricò i fratelli Perret di progettare e realizzare una casa-laboratorio.


Questa realizzazione viene consegnata un anno dopo. Ruota intorno a un patio che funge da lucernario. La sua struttura è in cemento armato bocciardato con un riempimento di mattoni bicolore disposti a scacchiera che gli conferisce tutta la sua unicità.


Mela Muter nel patio della sua casa-studio (1928-1933).

© "Les portraits de Mela Muter", L'Architecture d'aujourd'hui , n°3, avril 1933.









Mela Muter al lavoro sul ritratto del suo modello del giorno, Auguste Perret (1928-1933). © "Les portraits de Mela Muter", L'Architecture d'aujourd'hui , n°3, avril 1933.








La distribuzione degli spazi è semplice, razionale e funzionale. Al piano terra una sala da pranzo, una cucina e uno showroom; al piano superiore il laboratorio con affaccio sulla corte privata e una camera con bagno.


Solo la scala che porta al primo piano ha una vera singolarità perché completamente staccata dalle pareti della casa.

Nel 1946, Jean Dubuffet, allora inquilino di Mela Muter, lodò questa scala con una lettera indirizzata ad Auguste Perret. Ma non mi soffermerò su questa lettera, preferendo ricordare che Mela Muter, fuggita da Parigi quando arrivarono i tedeschi, aveva voluto recuperare il suo studio dopo la guerra ma Jean Dubuffet, un antisemita affermato, non volle mai restituirlo a lui....


Un esilio nel sud della Francia durante la guerra


La guerra è arrivata, Mela Muter è in difficoltà economiche e si è persino convertita al cattolicesimo, non è bello rimanere a Parigi, i critici xenofobi non sono estranei alla sua partenza da Parigi, perché non è bello essere un'artista straniera esiliata in Francia con le sue convinzioni politiche.


Affittò quindi il suo studio a Jean Dubuffet e andò in esilio nel sud della Francia in un appartamento ricevuto dalla città di Avignone e in cambio insegnò disegno e arte in un college della città.



Ritorno a Parigi alla liberazione

Ritornata a Parigi dopo la liberazione, Mela Muter continuò ad essere attiva nei movimenti pacifisti e fece una campagna per la protezione dei confini polacchi sull'Oder e sul Nysa.


Tenta invano di recuperare la sua casa-studio affittata a Jean Dubuffet e si ritrova costretta a vivere in un modesto studio in fondo al cortile al 40 di rue Pascal.


Dopo un'importante retrospettiva del suo lavoro a Parigi nel 1953, rimase fedele al suo stile figurativo ma il successo non c'era più.

Soffre di problemi di vista che le impediscono di dipingere, operata nel 1965 espone un'ultima volta in un'ultima retrospettiva della sua vita a New York nel 1967.


Pochi mesi dopo, il 16 maggio 1967, Mela Muter morì nel suo studio.



Il studio oggi


Non è stato denaturato all'esterno, ma la sua disposizione interna ha subito trasformazioni in tre periodi (1991, 1995 e 2012).


Nel 1989 una richiesta di demolizione totale dei solai interni e dei tramezzi ricevette parere sfavorevole dai Bâtiments de France, ma nello stesso anno fu rilasciata l'autorizzazione per una ristrutturazione interna. È in questa occasione che scopriremo che le raccomandazioni delle autorità sul rispetto dell'esistente non saranno state tutte seguite.


Una nuova fase dei lavori è iniziata nel 2012. Una visita del Dipartimento di Storia dell'Architettura e Archeologia della Città di Parigi nel 2021, a seguito di una richiesta di elevazione, rivelerà anche una distorsione abbastanza evidente degli interni delle strutture progettati da Auguste Perret , ancora una volta disattendendo i pareri forniti dalle autorità "competenti".

Arredi interni al giorno d'oggi (Agenzia Oglo Paris).

Un piano terra ridisegnato con andamento da pinacoteca, che pur allontanandosi dall'originario spirito di bottega, consente tuttavia una conciliazione di tendenza del XXI secolo con la vocazione iniziale dei locali.


 

La prima metà del XX secolo ha segnato una svolta per le artiste, a lungo emarginate o addirittura ignorate nel mondo dell'arte. Svolgono un ruolo importante nella nascita dei movimenti artistici moderni, ma continuano ad essere poco riconosciuti o rapidamente dimenticati.


Famosa nella capitale parigina durante i ruggenti anni Venti, Mela Muter è stata una delle sue pioniere. Ha attraversato questo secolo al ritmo della sua turbolenza con i suoi dipinti radicali e personali, i suoi impegni politici e il suo movimento nell'intera Parigi artistica.


Ma il suo lavoro in questi giorni è un po' dimenticato in tutto il mondo, ancora all'ombra dei suoi colleghi maschi all'Ecole de Paris.

Per la scelta dei soggetti e per la sua personalissima tecnica, Mela Muter è un po' controcorrente rispetto alle avanguardie del suo tempo.


Al giorno d'oggi, il suo lavoro rimane poco esplorato e dovrebbe essere messo in evidenza, per dargli tutto il posto che merita.











6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


Pubblicazioni
bottom of page